A PROPOSITO DEL CORONAVIRUS

PERCHÉ ABBIAMO PAURA?

COS'È LA PAURA?

La paura è un'emozione primaria, comune sia al genere umano sia al genere animale.

Il Galimberti così la definisce: “Emozione primaria di difesa, provocata da una situazione di pericolo che può essere reale, anticipata dalla previsione, evocata dal ricordo o prodotta dalla fantasia. La paura è spesso accompagnata da una reazione organica, di cui è responsabile il sistema nervoso autonomo, che prepara l’organismo alla situazione d’emergenza, disponendolo, anche se in modo non specifico, all’apprestamento delle difese che si traducono solitamente in atteggiamenti di lotta e fuga”.

Nelle paure c’è quindi la sensazione che qualcosa minacci la nostra esistenza o la nostra integrità biologica o quella delle persone a noi più vicine. L’emozione della paura può proiettarsi nel futuro: qualcosa di brutto accadrà a noi o agli altri, pertanto spinge il soggetto ad aggredire per eliminare o allontanare l’oggetto della paura (condotte aggressive) o al contrario fuggire da questo per evitare il danno che potrebbe procurarci (condotte di evitamento dall'oggetto fobico).

Non è facile chiedere aiuto.

Tra tabù e luoghi comuni, pensare di non riuscire a farcela da soli è spesso motivo d'imbarazzo.

So cosa significa decidere di andare da un professionista. 

Prima di svolgere la professione, ho seguito un training personale di tipo psicoanalitico.

In analisi ho appreso, sperimentandola, che la tecnica per curare le persone

è centrata non solo sulla parola ma anche sulla qualità della relazione. 

 Per  un’attività di supporto allo sviluppo personale,

promuovo percorsi individuali e di gruppo di psicoterapia progettuale e di psicosocioanalisi a studiOrienta

​COLLOQUI, CONSULTAZIONI E LABORATORI

​In particolare utilizzo la psicoterapia progettuale

per la gestione dei conflitti nelle relazioni personali, professionali,  genitoriali,

di orientamento sessuale e di genere.

Inoltre applico tecniche di psicosocioanalisi per affrontare momenti critici e situazioni di stress nelle relazioni e nell’attività operativa.

Chi è interessato ad approfondire la qualità delle proprie relazioni affettive, professionali e del proprio progetto personale mi può contattare.

ordine degli psicologi Lombardia

Pratico la psicoterapia progettuale

Diagnosi, sostegno e cura sono finalizzati a esprimere e capire il proprio disagio e la propria sofferenza, 

focalizzandosi sui problemi e sui conflitti attuali in una prospettiva di espansione della vita affettiva e attiva.

Ce ne parla Gino Pagliarani

Freud diceva che i due verbi fondamentali della vicenda umana sono amare e fare.

Pertanto i principali meccanismi psicologici della vita affettiva sono anche ipotesi interpretative della realtà sociale e del nostro essere nel mondo.

psicosocioanalisi
Uso tecniche di psicosocioanalisi per consulenze brevi e interventi individuali e di gruppo, secondo una cultura per cui
"l’analista deve essere capace di costruire una storia.” ( Bion).
Ariele

Via privata Sagunto 4, Milano 

Via Cantù 4, S. Maria Hoè-Lecco

Giuditta Pieti psicosocioanalista

+39 349 4965902

Giuditta Pieti, psicoanalista, Milano, studiOrienta  -p.Iva 03437790136 - © 2013 All Rights Reserved 

Il sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti per rendere migliore la navigazione e per fornire le funzionalità di condivisione sui social network. Per avere maggiori informazioni su tutti i cookie utilizzati, su come disabilitarli o negare il consenso all’utilizzo leggi l’informativa. Proseguendo nella navigazione presti il consenso all’uso di tutti i cookie.